ULTIME NEWS

WE SHALL OVERCOME

Troppa è l'emozione mentre provo a scrivere questo reportage che seguo da lontano. Tutto comincia questa mattina quando ricevo un sms da un paio di amici: "andate a vedere su facebook, gli animalisti bloccano green hill... sono sul tetto"; "sono saliti sul tetto di Green Hill, chiunque può accorra in sostegno". Mi precipito al computer, pensando a qualche bufala e invece realizzo che 5 attivisti del Coordinamento Fermare Green Hill sono saliti sul tetto di uno dei capannoni.

Alle 6:00 della mattina del 14 ottobre i cinque attivisti hanno scalato il capannone numero 1, quello dove sono rinchiusi i cani in partenza per i laboratori, ed eludendo la sorveglianza, hanno steso uno striscione che recita “QUESTO LAGER DEVE CHIUDERE”.

Le notizie cominciano a rimbalzare su facebook, il sito http://www.fermaregreenhill.net viene oscurato, ma immediatamente viene creata una pagina apposita sul social network più famoso. Alle 9:00 la pagina ha 40 accessi, in questo momento, alle 22:13, gli accessi sono 1.498, la rete è il mezzo di comunicazione più potente, mi spiace signori ma non potete imbavagliarla.

Ecco il video della conquista del tetto di Green Hill 

Queste le prime notizie e dichiarazioni che arrivano dai supporter degli attivisti sul tetto: ore 6.45 – “Questo lager deve chiudere!” è scritto sullo striscione che dall’alba di oggi, venerdì 14 ottobre, campeggia sul tetto di uno dei capannoni dell’allevamento Green Hill a Montichiari (BS)! Alle ore 6.00 è scattata l’azione a sorpresa del Coordinamento Fermare Green Hill. Cinque attivisti sono riusciti a salire sul tetto con una scala, eludendo la guardia dell’allevamento. Arrivata troppo tardi per fermarli. Nel frattempo altri attivisti stanno ancora stazionando vicino al capannone e al cancello d’ingresso, dando supporto a chi è sul tetto e monitorando l’attività lavorativa che sembra bloccata per la giornata. L’intenzione dei cinque attivisti è di rimanere ad oltranza sul tetto e impedire che partano carichi di cuccioli verso i laboratori. Hanno con sé tutto l’occorrente per restarci a lungo, per fare in modo di non essere sgomberati e poter comunicare con noi. L’azione di questa mattina è stata coordinata con il lancio del “Presidio Non-Stop” di oggi pomeriggio, in modo che da tutta Italia centinaia di manifestanti e sostenitori possano venire a dare il loro supporto alle cinque persone che resteranno sul tetto di Green Hill. Siamo sicuri che i manifestanti oggi saranno molto più numerosi del previsto grazie a questa azione a sorpresa! Il “presidio non-stop” continua fino al pomeriggio di sabato, e per tutto il tempo ci saranno delle persone sul tetto di uno dei capannoni di Green Hill, che hanno bisogno di sostegno e della vostra presenza. Venite tutti il prima possibile! Venite subito!

E in tanti, sempre di più raccolgono l’appello. Un’attivista dal tetto scrive su fb: “Sotto di noi 500 prigionieri. Sono i beagles chiusi nel capanno numero 1, quello da cui i nostri fratelli partiranno per la loro ultima destinazione. Sono seduta sul tetto di un lager.” e continua “Chi può venga di corsa a Green Hill. Siamo sul tetto da questa mattina all’alba. Con le urla incessanti dei prigionieri che sono rinchiusi qui, proprio sotto di noi. Dobbiamo creare una folla. Dobbiamo essere tanti.”

Intanto appaiono le prime foto dal tetto

ore 11.07 – Oggi gli uffici di Green Hill rimangono chiusi, sono entrati solo cinque lavoratori scortati dalle forze dell’ordine, ma sono usciti poco dopo.

ore 11.14 – Sono volate dagli alberi sui tetti, le bandiere della campagna “fermare green hill”, che ora sventolano sul capanno 1, dove sono prigionieri i cani in partenza. Intanto la digos cerca di convincere gli attivisti a scendere dopo essere stati filmati dalle varie televisioni, ovviamente gli attivisti non accettano alcuna trattativa!

ore 11.17 – Hanno bloccato gli accessi a Green Hill, i giornalisti non possono avvicinarsi per intervistare gli attivisti.

ore 12.04 – 2 televisioni locali sono riuscite ad avvicinarsi per intervistare gli attivisti.

ore 14:02 – una voce dal tetto: sentiamo costantemente il latrato disperato di alcuni beagles sotto di noi. La noia atterrisce la maggior parte di loro e li rende silenziosi, se non ci sono rumori. Ma qualcosa fa si che alcuni di loro urlino disperati ininterrottamente da ore, probabilmente da giorni. Dolore? Paura? Da qui non possiamo saperlo.

Resoconto di uno degli attivisti direttamente dal tetto del capannone occupato 

Interviste  

ore 15:30 dal tetto – Fa caldissimo. I cani continuano ad urlare. La polizia sta creando cordoni intorno a noi per tenere lontani i manifestanti. Se ci isolano è finita. Noi siamo qui per dar voce ai prigionieri di questo lager.  Abbiamo bisogno di aiuto.

ore 16:00 dal tetto – Tra poco dovrebbero arrivare dei giornalisti RAI, sempre se la polizia li fa passare. Ma io l’unica cosa che vorrei è che ad arrivare siate VOI.

ore 19:30 dal tetto – Freddo e fame. Ma pare che le nostre amate forze dell’ordine abbiano proibito qualsiasi contatto con i pericolosissimi cinque.

Intanto alle 18:30 Elena Zanola, sindaco di Montichiari, si è presentata davanti ai cancelli di Green Hill per verificare lo stato della situazione. Ha ricevuto fischi e forti critiche, indispettita ha fatto prelevare i documenti a diversi attivisti e preannunciato che sporgerà denuncia per oltraggio. L’unico oltraggio concreto a cui ci troviamo di fronte è l’indifferenza del sindaco Zanola e di chi chiunque ha permesso fino ad ora a Green Hill di lucrare sulla vita di migliaia di cani beagle. Nel frattempo tra i dirigenti di Green Hill c’è molto nervosismo…

Arriva anche una troupe di RAI1 ed altre televisioni locali cercano di salire per intervistare gli attivisti, intanto scende la sera… e si preannuncia una notte lunga e fredda…

Gli attivisti dal tetto non mollano sebbene si cerchi di convincerli a scendere. Le strade sono transennate e non si riesce a raggiungere i cancelli del lager. Viene raggiunta al telefono una delle attiviste sul tetto dalla mattina: “Stiamo bene e siamo preparati per la notte, abbiamo vestiti pesanti e cibo. Sono arrivati anche i pompieri per cercare di farci scendere, ma non possono toccarci. Avevamo l’accordo che saremmo scesi 3 alla volta solo se altri 3 ci avessero dato il cambio, ma questo accordo non viene rispettato. Ci vogliono isolare ma resistiamo.” 

Sono convinta che i ragazzi stiano pensando alla vita che sono costretti a vivere i cani rinchiusi sotto di loro… una vita di privazioni e dolore, una vita che porterà loro solo sofferenza… cosa sarà mai qualche ora sul tetto? Un’attivista davanti ai cancelli dichiara: “Davanti a me l’inferno, green hill. I cani rinchiusi li dentro strillano senza sosta, in attesa di finire torturati in un laboratorio. I nostri compagni sul tetto dalle 6 di stamattina. Fa freddo e non permettono a nessuno di avvicinarsi e portarci cibo acqua nè coperte. Resistiamo.” 

ore 19:00 dal tetto – Per controllare meglio i nostri pericolosi movimenti hanno spento le luci del capanno numero uno. Per la prima volta in vita loro, i cani prigionieri sotto di noi stanno vedendo il buio.

alle ore 21:00 davanti ai cancelli di Green Hill serpeggia una certa ironia. Il capo DIGOS ha detto che siamo cazzuti. “Queste son soddisfazioni” dichiara con un sorriso sornione un’attivista. Davvero sono gli animalisti quelli “sbagliati”? O forse l’errore sta nel dipendente di Green Hill che dice di essere orgoglioso del suo mestiere? Può un boia essere orgoglioso di quello che fa? Poco dopo per poco non scatta la rissa perché dei ragazzi sono riusciti a portare coperte e cibo. Hanno tolto le coperte nonostante si muoia di freddo.

Ormai è notte, sembra che le coperte siano state consegnate ai 5 ragazzi sul tetto, da quasi 24 ore Green Hill è assediata. Green Hill è una prigione piena di innocenti inconsapevoli che DEVONO essere liberati. Green Hill è l’esempio lampante di una Legge sbagliata, una Legge che autorizza quello che l’etica e la compassione non giustificano e concepiscono. Green Hill, il LAGER DEVE CHIUDERE. ADESSO. 

Annunci

5 Commenti su WE SHALL OVERCOME

  1. da ammirare. e sostenere.
    mi ritengo una pusillanime a volte, perchè in realtà non partecipo ad azioni attiviste. poi mi riguardo e penso che ci sono molti modi per diffondere e lottare per ciò in cui si crede, ognuno assecondando la propria indole e facendo ciò che riesce a far meglio.
    ma loro sono davvero da ammirare e stimare.
    applausi.
    Barbara

  2. Sì Bibi è vero… è giusto fare quello che si ritiene capaci di fare… l’importante è FARE qualcosa. Vero o no?

  3. Massimo e Daniela // 15 ottobre 2011 alle 17:42 // Rispondi

    Grazie di questa testimonianza. La gente deve sapere CHI soffre dentro quelle mura. L’informazione non si imbavaglia, e la rete si dimostra ancora una volta l’unico, vero, veicolo libero che può dar voce all’indignazione. Green Hill deve chiudere.

  4. la gente deve vedere, deve sapere, deve agire, secondo i propri mezzi, le proprie capacità e possibilità. Anche solo convincere la propria famiglia a boicottare i prodotti testati è importante.
    Nessuno dei ragazzi saliti sul tetto si sente un eroe, sono ragazzi come tutti noi.
    Si fa di necessità virtù, e la loro è stata notevole!
    Ora dobbiamo approfittare di questo momento di grande attenzione sull’argomento, per spingere affinchè se ne parli, affinchè qualcosa cambi.
    Il sindaco è venuto davanti ai cancelli a vedere che succedeva, e alle nostre domande ha risposto voltandoci le spalle, e alla nostra richiesta di voltarsi e guardare ci ha fatto prendere i documenti dalla polizia promettendo denuncia per oltraggio.
    Finchè le reazioni da parte delle istituzioni sono queste, il problema è davvero enorme.
    Dobbiamo fare in modo che siano costretti a guardare ed ascoltare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: