ULTIME NEWS

Circo Niuman – in catene per protestare contro l’utilizzo degli animali nei circhi

Il nostro atto simbolico ha voluto far capire alle persone che gli animali nei circhi soffrono e sono costretti in schiavitù. Ci siamo imbavagliate perché gli animali tenuti in gabbia, umiliati e sottoposti alla frusta non hanno voce.

Gli animali sfruttati nei circhi sono stati allontanati dal proprio ambiente, nel caso dei cuccioli anche dalla madre, e portati in un luogo sconosciuto e ostile; o ancora peggio, nati in cattività da genitori catturati in natura. A parte gli “spettacoli” e gli esercizi, gli animali rimangono per il resto del tempo in gabbie anguste, assolutamente non adatte a soddisfare le più elementari esigenze etologiche, a volte incatenati (come nel caso degli elefanti), soggetti al caldo e al freddo. Per molti animali non abituati al lungo inverno europeo, il freddo rappresenta un vero e proprio tormento. Anche i continui spostamenti creano gravi disagi, visto che avvengono in condizioni durissime ed estenuanti per gli animali. Oltre a questo, esistono numerose investigazioni sotto copertura che attraverso video e testimonianze scritte raccontano come venga usata la violenza fisica per addestrare gli animali. D’altra parte, è impensabile che gli animali selvatici possano accondiscendere a eseguire esercizi per loro innaturali e a volte dolorosi senza essere sottoposti a terrore continuo che distrugge la loro volontà e il loro istinto di ribellione.
Lo scorso Ottobre Agire Ora ha organizzato in collaborazione con Animal Defenders International un evento di cui hanno parlato tutti i media nazionali: Tom Rider, ex lavoratore del circo, è venuto dagli Stati Uniti per portare la sua shockante testimonianza di quanto ha visto in prima persona all’interno dei circhi negli USA, in Spagna, in Olanda e in Polonia, e ha invitato i lavoratori dei circhi italiani a testimoniare le crudeltà che vedono ogni giorno. Le riprese dei maltrattamenti e il racconto di Tom Rider sono disponibili in un breve documentario on-line


Stop alla sofferenza degli animali nei circhi

Poco tempo fa al circo di Moira Orfei attendato a Torino, il domatore delle tigri è stato aggredito durante lo spettacolo e portato all’ospedale, e dopo pochi giorni al Dinner Zirkus ad Amburgo un altro domatore di tigri è stato aggredito durante lo spettacolo dopo essere inciampato ed è stato portato in fin di vita all’ospedale. Questo dimostra che gli animali sono tenuti a bada con la violenza e il terrore continuo, e per questo quando ne hanno la possibilità non esitano a ribellarsi. Noi invitiamo invece a frequentare solo circhi senza animali, come ad esempio il Cirque du Soleil tra tutti, circhi cioè senza violenza, in cui gli artisti possano mettere in mostra la loro bravura senza fare del male a nessuno. (info tratte da Agire Ora)

Da sottolineare che un bambino dopo averci visto ed aver parlato con  noi non voleva più entrare al circo e due famiglie hanno optato per fare un giro in centro.

Annunci

2 Commenti su Circo Niuman – in catene per protestare contro l’utilizzo degli animali nei circhi

  1. Da sottolineare che un bambino dopo averci visto ed aver parlato con noi non voleva più entrare al circo e due famiglie hanno optato per fare un giro in centro…..

    uff qunte volte ho letto di questa leggenda metropolitana….

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: